mercoledì 26 giugno 2013

Personal brand è avere il coraggio di osare



I social network possono essere utilizzati per attirare l'attenzione in modo creativo e permetterci di realizzare i nostri obiettivi professionali.

Se abbiamo il coraggio di osare (con un pizzico di "faccia tosta"), possiamo diventare intraprendenti e, con una buona strategia,  possiamo anche ottenere attenzione, interesse e quindi un buon lavoro.

Ecco due casi interessanti. Il primo è "l'esperimento Linkedin".

Justin Racz, advertising copywriter americano, crea diversi profili Linkedin dei personaggi della serie Arrested Developement, in fase di rilancio, e successivamente poi contatta, attraverso questi profili, diverse agenzie e reclutatori inviando una serie di messaggi caratterizzati da un grande senso dell'umorismo, mostrando così le sue doti di scrittore creativo.

Il risultato è stato che ha ricevuto diverse offerte di collaborazione.

   


Altro caso interessante Miguel busca su sitio. Miguel Bosch, trentenne spagnolo, dopo la laurea apre una piccola società di video produzione, ma in poco tempo entra in crisi e rimane senza lavoro.


E allora ecco l'idea di girare un video di se stesso "a nudo" pubblicato poi su Facebook e Youtube.

Nel video chiede un lavoro e consigli. E chiede anche alle persone di aiutarlo a diffonderlo.

Il video ha un grande successo e nel giro di poco tempo Miguel ottiene collaborazioni con due società televisive spagnole.

   



E tu hai il coraggio di osare?


via e via


Related Posts with Thumbnails