giovedì 22 dicembre 2011

La legge del dare



"Ogni relazione si fonda su uno scambio reciproco; il dare ingenera l’avere e viceversa; quello che ci viene dato deve essere restituito; quello che esce deve ritornare.
Infatti, dare equivale a ricevere, poiché sia il dare sia il ricevere rappresentano due diversi aspetti del flusso energetico universale.
Ostacolare il fluire di uno dei due processi implica interferire con l’intelligenza della natura".

"Quanto più donate, tanto più riceverete, perché in questo modo l’abbondanza dell’universo continuerà a circolare nella vostra vita.
In effetti, tutto quello che ha valore si moltiplica soltanto se viene donato; ciò che non si moltiplica attraverso lo scambio non merita né di essere donato né di essere ricevuto".

"L’intenzione all’origine del dare e dell’avere è estremamente importante: essa dovrebbe mirare sempre a rendere felice sia colui che dona sia colui che riceve, poiché la felicità è sostegno e aiuto nella vita e perciò fonte di incremento.
Il vantaggio che deriva dal dare è direttamente proporzionale all’atto stesso, purchè questo sia fatto incondizionatamente e con il cuore".

"Attuare la Legge del Dare è in realtà molto semplice: se desiderate la gioia, portatela agli altri; se cercate l’amore, imparate ad offrirlo; se volete essere considerati e apprezzati, imparate a considerare e apprezzare gli altri; se ambite alla ricchezza materiale, aiutate gli altri ad ottenerla.
In realtà il sistema più semplice per avere ciò che si desidera consiste nell’aiutare gli altri a realizzare la medesima cosa.
Tale principio risulta valido per gli individui, le corporazioni, le associazioni e le nazioni".

"Quando imparate a dare quello che cercate per voi, diventerete gli autori e di coreografi di questa danza, caratterizzata da un movimento perfetto di energia e vitalità che costituisce il battito eterno della vita".

"I doni più grandi, in effetti, non sono materiali: la cura, la relazione, l’amicizia, la considerazione e l’amore rappresentano alcuni dei regali più preziosi che si possano fare e che, tra l’altro, non costano nulla.
Quando incontrate qualcuno, beneditelo in silenzio, augurategli felicità, gioia e serenità. Questo silenzio è molto efficace.

Brani scelti da: Le sette leggi spirituali del successo di Depak Chopra edito da Sperling e Kupfer.
Grassetti inseriti da me soltanto per migliorare la leggibilità del testo a video.

photo credit
Related Posts with Thumbnails