lunedì 15 novembre 2010

Sei una partita iva? Ecco il tuo manifesto


Freelance, consulenti, lavoratori professionali: questo è il nostro Manifesto!
Il Manifesto dei lavoratori autonomi di seconda generazione è una interessante proposta di ACTA (Associazione Consulenti del Terziario Avanzato), la prima associazione costituita in Italia per dare rappresentanza a professionisti del Terziario Avanzato come lavoratori autonomi: formatori, ricercatori, informatici, creativi e altre categorie di consulenti, generalmente operanti al di fuori di Ordini e Albi professionali.

Alcuni punti interessanti dalla prima parte:

Ci muoviamo nell’universo, nel mercato, dei beni immateriali.
Tra i mercati è quello che ha visto i maggiori cambiamenti in questi ultimi trent’anni, nell’impresa e nella società, nelle tecnologie e nelle organizzazioni, nell’educazione e nei rapporti umani.
Ci vengono richieste conoscenze complesse, soggette a continui cambiamenti, che non si limitano allo specialismo ma richiedono capacità relazionali non acquisibili tramite percorsi formativi specifici.

Siamo nati con un grande desiderio di libertà e di indipendenza, fiduciosi che le nostre capacità professionali, le nostre competenze, il nostro capitale umano, fossero sufficienti ad ottenere un riconoscimento sociale e un buon portafoglio di commesse da diversi clienti.
A questa idea di libertà e di indipendenza non siamo disposti a rinunciare nemmeno oggi che i tempi sono cambiati ed il mercato si è fatto molto difficile.
Né ci pare di dover rinunciare all’idea che è bello lavorare contando solo sulle proprie competenze, la propria iniziativa, la propria capacità di tessere relazioni, di comunicare - senza patrimoni alle spalle, senza appartenere a consorterie, senza dover piegare la schiena: indipendenti, freelancers, al servizio di noi stessi prima ancora che di terzi.

Noi siamo invece una particolare categoria di lavoro indipendente che non solo è la più “moderna”, la più attuale, ma è anche quella con la tendenza alla crescita più alta, una tendenza che, diversamente da tutte le altre categorie del lavoro autonomo, non si è interrotta nemmeno in questi ultimi anni di crisi. Siamo il futuro del lavoro indipendente, del lavoro cognitivo, il mercato del lavoro professionale dipenderà sempre più da noi.

La capacità di costruire relazioni non si manifesta soltanto nel cercare e trovare il cliente, si manifesta anche nel saper stabilire con il cliente un rapporto di fiducia, nell’ottenere la stipula di un contratto a condizioni dignitose, nel sapersi muovere in mezzo ai meandri delle gerarchie aziendali o burocratiche senza urtare la suscettibilità di nessuno, nel saper costruire un rapporto di lunga durata con la committenza, nel saper difendere la titolarità del progetto, nel saper gestire un rapporto con eventuali collaboratori, nel sapersi far pagare in tempi ragionevoli e via dicendo.


Clicca qui per scaricarlo direttamente in pdf.

Se sei una partita iva ti può anche interessare Il Giornale delle Partite Iva, il primo mensile dei professionisti autonomi e delle nuove professioni, giunto al secondo numero.
Qui la sua pagina su facebook.
Related Posts with Thumbnails