giovedì 5 agosto 2010

Il marketing personale secondo Agnese Vardanega



Quattro domande a colleghi ed amici professionisti. Diciannovesimo confronto "a distanza" sul marketing personale. Oggi incontriamo Agnese Vardanega.


Quanto ritieni sia importante oggi un approccio strutturato al marketing personale per un professionista?

Naturalmente, sappiamo tutti come sia in generale molto importante comunicare in maniera corretta la propria immagine.
Oggi poi, Internet e gli strumenti del Web 2.0 offrono nuove opportunità, ma rendono un po' più complicato il tutto.
Quindi direi che un approccio strutturato sia diventato davvero importante per tutte le professioni.

Quali strategie e strumenti utilizzi normalmente nelle tue attività di self marketing e promozione?

A mio parere, in rete la migliore promozione è la presentazione e la diffusione di contenuti mirati.
Ad esempio, io ho aperto il primo blog allo scopo di comunicare quello che faccio io, e quello che fanno i sociologi in generale, in quanto forse in Italia non tutti hanno le idee chiare su questo: questo certo non aiuta a promuovere le nostre professioni.
Sempre per far conoscere me, il mio lavoro, e soprattutto i contenuti del mio lavoro, ho iniziato ad utilizzare i social networks, e soprattutto Twitter.

Qual è a tuo parere l'errore assolutamente da evitare nella propria promozione on line?

Mostrare quello che non si è, sia nel senso di "vendere fumo", sia nel senso di fornire una immagine personale diversa da quella reale.
Bisogna comunicare quello che si è e quello che si fa in maniera mirata, ma l'autenticità alla fine paga.

Che suggerimenti daresti a chi volesse incrementare la propria visibiltà?

Immagino che intendi la visibilità su Internet. Prima di tutto, utilizzare un blog per comunicare i contenuti della propria professione.
Il blog aiuta anche ad entrare in rete con altri professionisti o con i potenziali clienti.
Poi, diffondere i contenuti con i social media: una pagina su Facebook, un account su Twitter ecc.
Fondamentale, però, è utilizzare i social media per dialogare, conoscere, scambiare idee.
Anche in questo caso, l'autenticità paga.



Agnese Vardanega: sono nata nel 1966, insegno Metodologia e tecnica della ricerca sociale come professoressa associata all'Università di Teramo.
Sono in rete oramai da più di tre anni. Inizialmente, con un sito statico che serviva a comunicare agli studenti le informazioni sui corsi, poi, iniziando a sfruttare sempre a scopo didattico gli strumenti del web 2.0: distribuire i materiali, gli avvisi, gli aggiornamenti ecc.
Parallelamente, agli inizi del 2009, avevo aperto un blog che voleva avere finalità "divulgative".
Agli inizi del 2010, il tutto è stato integrato nel mio sito personale.
Nel 2009 nasce il progetto Territori Sociologici, come collana di working papers e laboratorio di ricerca, e nella primavera scorsa, insieme a Lucio Colavero, abbiamo aperto LaDemocrazia.it.
Related Posts with Thumbnails