venerdì 7 maggio 2010

Il marketing personale secondo Alessandro Sportelli



Quattro domande a colleghi ed amici professionisti. Secondo confronto "a distanza" sul marketing personale. Oggi la minintervista a Alessandro Sportelli.

Quanto ritieni sia importante oggi un approccio strutturato al marketing personale per un professionista?

E’ fondamentale più o meno come lo è sempre stato. Ritengo il marketing personale un modo efficace per esprimere al meglio se stessi e ciò che davvero si è, ancor più che una vera e propria strategia nel più nobile senso della parola.
Secondo me ciò che fa davvero la differenza nel marketing personale è l’atteggiamento mentale del professionista e non di certo gli strumenti di cui dispone che, per quanto possano risultare utili ed efficaci, considerati da soli hanno poco valore.
La differenza la fa sempre la “persona”. Oggi a differenza di ieri il web ci permette di entrare in contatto con chiunque in maniera semplice, veloce e diretta.
Il marketing personale è a tutti gli effetti comunicazione, e se disponiamo di strumenti che la facilitano (ed amplificano) e siamo in grado di esprimere al meglio i nostri punti di forza non possiamo che trarne incredibili benefici.

Quali strategie e strumenti utilizzi normalmente nelle tue attività di self marketing e promozione?

Strategia e strumenti cambiano di volta in volta in base agli specifici obiettivi.
In generale, attualmente integro Facebook, Web Marketing Forum, i video, il mio sito personale, gli articoli sui giornali, ed ogni volta che posso l’offline. 



Qual è a tuo parere l'errore assolutamente da evitare nella propria promozione on line?

Il primo errore da evitare secondo me è “pensare solo online”. Ho avuto modo di riflettere molto su questo argomento nell’ultimo anno e studiando ciò che avviene online sia in termini di marketing personale sia in termini di web marketing “aziendale” (permettimi il termine) ho compreso che spesso la differenza sulla promozione online la fa proprio ciò che facciamo offline.
Vedo tanti che si strappano i capelli (la mia è caduta naturale :-) ) cercando chissà quali segreti stratagemmi per promuoversi online e non si accorgono di ciò che hanno sotto gli occhi.
Ti confesso che solo due anni fa mischiare online ed offline sarebbe stato per me come bestemmiare, fino a quando non mi sono accorto che i rapporti offline sono più semplici, più efficaci, più solidi.
Mi sono accorto che l’offline gode ancora di una certa autorevolezza ed influenza le scelte ed opinioni della gente (anche inconsciamente).
Se sei offline esisti davvero! Se sei su facebook … forse.

Che suggerimenti daresti a chi volesse incrementare la propria visibilità?

Prendendo spunto da quanto ho appena scritto suggerirei ai ragazzi che desiderano accrescere la loro visibilità di integrare ciò che fanno online (dare valore attraverso blog, forum, social, etc.) con quanto sono in grado di fare offline.
La domanda da porsi è: “Cosa posso fare offline che influenzi positivamente la mia visibilità … online? Cosa posso fare offline che esalti e dia valore alla mia presenza online? Come ciò che faccio offline può trasmettere FIDUCIA a chi mi contatta online?”.
Facciamo spesso finta di dimenticare che la gente continua a spendere gran parte dei propri soldi offline. Uno dei motivi è secondo me la mancanza di fiducia e di contatto “umano”, di conversazione spontanea … la stessa comunicazione del panettiere sotto casa che ogni giorno mette da parte il pane che ci piace di più.
Portare qualcosa di umano, di reale, di “familiare” online può trasmettere fiducia?



Alessandro Sportelli, appassionato di web marketing e fondatore del forum italiano sul Web Marketing. Amministra la Webfactory srl, azienda che eroga servizi di web marketing e gestisce alcuni portali tra cui Webmarketinguniversity.net e Facebookstrategy.it (pubblicazione prevista per fine maggio) dedicato al marketing su facebook per aziende. Collabora inoltre con SMAU, Ilgiornale.it, Aicel.
Related Posts with Thumbnails